domenica 24 settembre 2017

Recensione: La narratrice sconosciuta di Brunonia Barry

Più di un thriller, più di un semplice romanzo! Magia, mistero e tanto ancora in questo nuovo meraviglioso libro di Brunonia Barry!



Trama.
Il buio è appena calato avvolgendo Salem nel suo manto scuro. Callie ha sette anni appena ed è sola sulla scogliera che domina la baia. Non dovrebbe essere lì. È troppo pericoloso. Poi all’improvviso sente uno strano grido e lo spettacolo che si presenta ai suoi occhi la lascia senza parole: tre donne sono state uccise. Solo Rose, la più anziana del gruppo, riesce a scappare e a portare Callie in salvo.
Sono passati vent’anni da quel terribile evento. Anni in cui Callie ha fatto di tutto per dimenticare e vivere una vita il più possibile normale. Ha promesso a sé stessa che non avrebbe più messo piede a Salem, il luogo dei suoi incubi. Eppure, sente che per lei è arrivato il momento di tornare là dove tutto è cominciato. Perché un ragazzo è stato trovato senza vita, e prima della fine un grido ha squarciato il cielo nero. Quello stesso grido che ha sentito da bambina e torna sempre a tormentarla. Ora non può permettere che Rose venga condannata per qualcosa che non ha commesso. La Rose che lei conosce, e che anni addietro le ha salvato la vita, non avrebbe mai osato fare del male a nessuno. Ne è sicura. Così come ne è sicuro l’ispettore Rafferty, incaricato di occuparsi del caso. A Callie allora non resta altra scelta che far luce sulla verità. Una verità che ha radici in quella terribile notte sulla scogliera, dove si è compiuto un destino ancora avvolto nel mistero e che ora ha bisogno di essere svelato. Costi quel che costi.

La mia opinione.
Ci sono vari ingredienti all'interno di questo romanzo che lo rendono meraviglioso e unico
Al centro abbiamo la morte misteriosa di tre donne, tra cui la madre della protagonista Callie, imparentate con alcune delle vittime del terribile processo alle streghe avvenuto nel 1692.
Le uniche testimoni di quello che accadde quella notte del 1989 sono Callie, che all'epoca aveva solo 5 anni, e Rose Whelan, un tempo una studiosa dei processi alle streghe ma che è cambiata dopo il terribile omicidio, diventando una specie di barbona ritenuta pazza dalla gente di Salem.
Ma questo vecchio caso si riaprirà nel presente, quando Rose, sarà accusata di aver ucciso un giovane ragazzo, nello stesso modo in cui, secondo molti, aveva assassinato le tre donne.
Così il passato tornerà a Salem ed anche la stessa Callie che una volta rientrata in città sarà perseguitata da visioni e ricordi legati a quella fatidica notte.
A questo punto il detective Rafferty deciderà di riaprire il caso delle Dee, così venivano chiamate le tre bellissime donne, e segreti che sembravano ormai sepolti per sempre verranno a galla, così come antiche faide famigliari , tradimenti...il tutto circondato dalla magia.
"Sembrava che ci fosse qualcosa di nascosto sotto la superficie della vita stessa, qualcosa che si svelava solo in alcuni momenti singolari, o quando, per caso o intenzionalmente, veniva disturbato."
A questo punto il lettore insieme a Rafferty e a Callie cercherà di scoprire chi fu l'assassino delle Dee e soprattutto chi è la banshee, la dea deviata, di cui Rose non smette di parlare.
Mistero e magia si intrecceranno facendo immergere completamente il lettore nella storia.
Questo romanzo vi conquisterà, ve lo garantisco, e attenti ai colpi di scena! 

lunedì 11 settembre 2017

Recensione: The Mission di Matteo Porru

Quest'estate a Cagliari, presso la libreria Cocco, mi è stato presentato un libro fantastico edito da Edizioni La Zattera, di cui non vedo l'ora di parlarvi.



Trama.
C’è un uomo che passeggia sul Gianicolo,fischiettando. Roma si trucca allo specchio,stanca,confusa.
Martina ha dieci anni e tutta la vita davanti;Alessio è più calmo,metodico,un sognatore.
Alice è curiosa. Di Virgilio non si sa molto.
Sono quattro bambini che si ritrovano per caso al Bambino Gesù,chi con delle farfalle nello stomaco,chi con delle palle cattive da togliere.
C’è una mascotte a forma di infermiere con le ali che vola in sala operatoria con i bambini,serve per rendere tutto una storiella,come quella di Tigro,dipinto sulle pareti delle camere.
Ma qualcosa non torna.
E’ come se tutti sapessero già come andrà a finire.
Gli adulti pensano che i bambini siano ingenui,ignari di quello che accade ,capaci solo di fantasticare.
Ma lo sanno i grandi che sono loro i primi a fingere,a mascherarsi? E i bambini cosa avrebbero preferito?
Loro cosa avrebbero detto?
Quella risposta nessuno la sa: vaga sola,disperata,senza tomba,fra le strade.
Quattro note echeggiano nella capitale.
Ora è il momento di dire la verità,quella che sanno sempre solo gli altri.
Il tempo è scaduto,il sipario è aperto.
Sono diventati grandi troppo presto,quei bambini. E nessuno ha più voglia di giocare.

La mia opinione.
Raccontare situazioni di questo genere e metterle su carta non è affatto facile.
Ma solo chi conosce questo tipo di momenti,o meglio chi li ha vissuti dal di dentro,sa quanto di vero ci sia in questo libro del giovane Matteo Porru.
Sì perché Matteo giovane lo è davvero,a soli 16 anni è riuscito con intensità,con coraggio e devo dire con molto amore per la vita a tirare fuori questo piccolo gioiello di racconto.
Parlare ,riuscire a raccontare in maniera così coinvolgente di malattie,di ospedali,di bambini malati e del loro sognare un futuro migliore contapposto invece ad una realtà molto dura fanno di questo un libro da conservare con rispetto nel proprio cuore,leggere e rileggere.
Le storie di Martina, Alessio, Alice ignari forse o forse non del tutto di quello che gli sta capitando e quelle invece dei loro genitori coi loro problemi, le sofferenze interiori che si accumulano in quanto consapevoli di ciò che accade ai loro figli  ,i loro dubbi sul fare o non fare quella difficilissima scelta: quella di rivelare o meno la dura verità ai bambini o ,invece, continuare a costruire quel fantasioso castello in aria per egoismo o ,forse, per non voler veder crescere un figlio in maniera così crudelmente repentina; poi lo sforzo stoico dei medici e gli infermieri del reparto oncologico infantile del Bambino Gesù di Roma , nel voler a tutti i costi far sembrare quella cruda realtà una fantastica occasione di svago e divertimento soprattutto per i bambini, ma a volte importante anche per i loro genitori.
Questi e molti altri elementi fanno si che questo libro,un libro di vita ,amore ,morte e speranza vada a finire assolutamente nella libreria di ognuno di noi lettori.
Che altro aggiungere,un plauso a questo giovane scrittore sardo ,appena sedicenne,avrà molta strada da fare ma di questo passo sentiremo ancora parlare di lui e molto…ve lo garantisco!
Vi lascio con un mio pensiero personale:
malgrado i problemi che ogni giorno ci si presentano,tutte le cose non previste o i sacrifici da fare per avere qualcosa , anche poco, ma pur sempre un qualcosa; non piangiamoci addosso, non pensiamo che è tutto brutto, che la vita fa schifo ma VIVIAMO!
Viviamo al meglio delle nostre possibilità, anzi se consentito anche un po’ al di sopra, perché la vita è una sola e questo non ce lo dobbiamo mai dimenticare.

BUONA LETTURA

giovedì 31 agosto 2017

Recensione: Odio amore di Penelope Ward

Dopo aver letto e ADORATO CON TUTTO IL CUORE il romanzo "Bastardo fino in fondo" che Penelope Ward ha scritto a quattro mani con Vi Keeland, ( Ecco qui la recensione: http://erikatralepagine.blogspot.it/2017/08/recensione-bastardo-fino-in-fondo-di-vi.html ) non potevo lasciarmi sfuggire questo nuovo romanzo. E ho fatto bene!


Trama.
Condividere una casa per le vacanze con un coinquilino sexy da morire dovrebbe essere un sogno che diventa realtà, giusto? Non se si tratta di Justin... l'unica persona che abbia mai amato... e che ora mi odia. Quando mia nonna è morta e mi ha lasciato metà della casa sull'isola di Aquidneck, c'era una trappola: l'altra metà appartiene al bambino che ha aiutato ad allevare. Lo stesso bambino che si è trasformato nell'adolescente a cui ho spezzato il cuore anni fa. Lo stesso adolescente che ora è un uomo con un corpo mozzafiato e una personalità complicata. Non lo vedevo da anni, e ora ci ritroviamo a convivere perché nessuno dei due è disposto a rinunciare alla casa. La cosa peggiore è che non è da solo. Ho capito presto che c'è una linea sottile tra amore e odio. Ho potuto guardare attraverso quel sorriso arrogante. Il ragazzino che conoscevo è ancora lì sotto. E anche il nostro legame. Proprio ora che non posso averlo, non l'ho mai desiderato di più.

La mia opinione.
La storia d'amore raccontata in questo romanzo è davvero zuccherosa ma non scontata, anzi. Chi parla in prima persona è Amelia che si ritrova in eredità la casa della nonna e che deve condividerla con Justin. I due non si vedono da ben 10 anni e il loro incontro dopo tutto questo tempo sarà scoppiettante.
Justin sembra essere andato avanti con la sua vita, ha una fidanzata bellissima, un lavoro, suona ed è sexy da morire! Tratta Amelia con sufficienza, ne sembra quasi disgustato ma in realtà questa sua avversione nasconde molto di più: la tensione sessuale tra i due è davvero palpabile!
Ma quando sembra che il muro tra di loro stia per crollare e che finalmente i due mettano da parte i rancori e le incomprensioni per rivelare che in realtà si sono sempre amati anche quando erano solo dei bambini ci sarà un colpo di scena che mischierà totalmente le carte in tavola. 
Sembra che il destino si sia accanito contro Amelia e Justin, ma l'amore quello vero può superare tutto! E in questa seconda parte adorerete ancora di più Justin, la sua generosità, il suo grande cuore e la sua dolcezza...
" Grazie per avermi insegnato che a volte le cose che temiamo di più sono quelle di cui la nostra anima ha bisogno."


giovedì 17 agosto 2017

Recensione: Bastardo fino in fondo di Vi Keeland e Penelope Ward

Questo romanzo si è guadagnato un posto nella mia top ten dei libri di quest'estate! Non potete andare in vacanza senza!



Trama.
Un australiano sexy e arrogante di nome Chance. Era davvero l’ultima persona in cui mi aspettavo di imbattermi nel mio viaggio attraverso il Paese. Quando la mia macchina si è rotta, abbiamo fatto un accordo: niente programmi, saremmo andati avanti per miglia e miglia passando notti sfrenate in motel sconosciuti senza limiti e senza una meta precisa. E così quello che doveva essere un normale viaggio si è trasformato nell’avventura della vita. Ed è stato tutto davvero incredibile finché le cose non sono diventate serie. Lo desideravo, ma Chance non si esponeva. Pensavo che mi volesse anche lui, invece qualcosa sembrava trattenerlo. Non avevo intenzione di perdere la testa per quel bastardo arrogante, soprattutto da quando avevo saputo che le nostre strade stavano per dividersi. D’altra parte si dice che tutte le cose belle prima o poi finiscono, o no? Forse è così, o forse ero io che non volevo vedere la fine della nostra storia...

La mia opinione.
MERAVIGLIOSO! Ho adorato tantissimo la storia ed i personaggi. L'incontro tra i due protagonisti, Aubrey e Chance, è esilarante e soprattutto lo sarà il loro viaggio in macchina tra frecciatine, ironia, attrazione e l' investimento della mitica capretta cieca che li accompagnerà poi durante tutta la storia. Ma questi sono solo alcuni degli ingredienti che ho apprezzato. 
Il romanzo è diviso in due parti, se nella prima è Aubrey a parlare in prima persona e a raccontare di come l'incontro con Chance piano piano le faccia acquisire coraggio e voglia di vivere, nella seconda è Chance ed è attraverso il suo racconto che capiremo perché la prima parte del romanzo si conclude con un Aubrey disperata, abbandonata dall'uomo di cui si è innamorata senza una spiegazione.
Scopriremo così che Chance non è solo un ragazzo bello e dannato ma nasconde un cuore grande, generoso: farebbe di tutto per chi ama. Ed è proprio per questo motivo che sarà costretto ad allontanarsi da Aubrey per ben due anni. Ma durante questi due anni, Aubrey inconsapevole di tutto, si è costruita una nuova vita ed il ritorno di Chance la manderà in confusione. Chance ce la metterà tutta per riconquistare la sua fiducia (vi ritroverete più volte con gli occhi a cuoricino) ma ormai, sarà troppo tardi per loro?
"Io ti amo Aubrey. Non lo vedi? Sono innamorato perso di te. Quando ti guardo non vedo te, ma i miei figli. Dannazione, vedo un intera fattoria di bambini e capre sorde, cieche e stupide. Vedo il mio futuro. Senza di te, non vedo niente."

mercoledì 2 agosto 2017

Recensione: Il giardino delle farfalle di Dot Hutchison

Io adoro i thriller e questo si è conquistato un posto nel mio cuore!  Un romanzo indimenticabile!


Trama.
Vicino a una villa isolata c’è un bellissimo giardino dove è possibile trovare fiori lussureggianti, alberi che regalano un’ombra gentile e... una collezione di preziose “farfalle”: giovani donne rapite e tatuate in modo da farle assomigliare a dei veri lepidotteri. A guardia di questo posto da brividi c’è il Giardiniere, un uomo contorto, ossessionato dalla cattura e dalla conservazione dei suoi esemplari unici. Quando il giardino viene scoperto dalla polizia, una delle sopravvissute viene portata via per essere interrogata. Gli agenti dell’FBI Victor Hanoverian e Brandon Eddison hanno il compito di mettere insieme i pezzi di uno dei più complicati rompicapo della loro carriera. La ragazza, che si fa chiamare Maya, è ancora sotto shock e la sua testimonianza è ricca di episodi sconvolgenti al limite del credibile. Torture, ogni forma di crudeltà e privazione sembravano essere all’ordine del giorno in quella serra degli orrori, ma nella deposizione della giovane donna, che ha delle ali di farfalla tatuate sulla schiena, non mancano buchi e reticenze... Più Maya va avanti con il suo terrificante racconto, più Victor e Brandon si chiedono chi o cosa la ragazza stia cercando di nascondere...

La mia opinione.
"Io pensavo a quanto fosse ingiusto che ci avesse reso proprio delle farfalle . Le vere farfalle potevano volar via, irraggiungibili. Le Farfalle del Giardiniere potevano solo cadere e anche quello solo di rado."
Non so sintetizzare tutte le emozioni che questo romanzo mi ha suscitato. Sicuramente il dolore, mentre Inara racconta la sua vita e quella delle altre ragazze prigioniere di un uomo malato, costrette a subire gli abusi più orrendi e a morire giovani perché, come dirà lo stesso Giardiniere, le farfalle ossia le cose belle hanno una vita breve. L' angoscia nel pensare che la storia raccontata in questo romanzo non è così irreale e che molti sono i casi di cronaca in cui si parla di ragazze segregate per il piacere perverso dei loro aguzzini. Infine la commozione nel vedere queste giovani donne che sebbene abbiano perso tutto, la libertà, le loro famiglie, la dignità non hanno perso la loro umanità, il coraggio e soprattutto la generosità verso il prossimo. Le ragazze infatti saranno unite come una grande famiglia, sempre pronte ad aiutarsi una con l'altra.
Sarà Inara a raccontare tutto ai due agenti Victor ed Eddison, e noi lettori, come gli stessi agenti, dovremmo attendere i suoi tempi nel svelare le varie atrocità, le sue difficoltà nell'esprimere a voce alta l'orrore che ha vissuto, per scoprire come siano riuscite finalmente a scappare e soprattutto cosa stia cercando di nascondere a tutti i costi la giovane ragazza.
Come in tutti i thriller aspettatevi dei gran colpi di scena ma anche scene commoventi fino alle lacrime. Una lettura forte, dolorosa e da non perdere!

venerdì 28 luglio 2017

Recensione: Tutta colpa di Mr Darcy di Shannon Hale

Molte di voi avranno visto il film tratto da questo romanzo di Shannon Hale : Austenland. Adesso, grazie a PIEMME, abbiamo anche noi l'opportunità di leggerlo. Amanti di Jane Austen siete pronte?



Trama.
Che cosa distingue una semplice lettrice di Jane Austen da Jane Hayes? Tutto: nella sua testa parole come "orgoglio", "pregiudizio", "ragione", "sentimento" hanno un significato ben diverso da quello del dizionario, e soprattutto, per lei, non c'è nessun uomo al mondo di cui valga la pena innamorarsi. Perché nessun uomo è e sarà mai Fitzwilliam Darcy - tranne Colin Firth nella migliore interpretazione della sua carriera, si capisce. Così, anche se Jane è una single trentenne che potrebbe godersi la vita a New York, le sue chance in amore sono regolarmente sabotate dalla sua fissazione platonica. Finché un viaggio la porta dove ha sempre sognato di andare: complice l'eredità di una prozia, Jane parte per Pembrook Park, Inghilterra. L'unico posto dove, tra costumi d'epoca, carrozze, balli di gala e rigida etichetta, per una modica cifra anche tu puoi vivere il tuo sogno austeniano. E magari innamorarti… Nella villa fuori dal tempo che la accoglie, piena di stanze e servitù, tra personaggi bizzarri che non si fanno problemi a vivere per qualche giorno nel passato, Jane conoscerà un giardiniere belloccio, ma si scontrerà anche con un gentiluomo che si crede un po' troppo affascinante… E forse vivrà finalmente il sogno più bello. Quello da vivere nella realtà....

La mia opinione.
La protagonista del romanzo, Jane Hayes, rappresenta un pò tutte noi lettrici appassionate di Jane Austen. Chi di noi non ha letto più di una volta "Orgoglio e pregiudizio" o non ha sospirato nel vedere Colin Firth interpretare il nostro adorato Mr Darcy?
Per Jane, Darcy è diventata un ossessione e da anni ormai la sua vita sentimentale è ad un punto morto perché oltre ad essere sfortunata in fatto di uomini, nessuno di loro si avvicina neanche lontanamente al suo ideale ossia Mr Darcy! Ma soprattutto con nessuno riesce ad ottenere quell'amore a cui anela, che fa sognare, sospirare. Quell'amore che sogniamo un pò tutte! 
Convinta di avere un problema, spererà di trovare la cura immergendosi per due settimane nel mondo di Jane Austen a Pembrook Park. La permanenza di Jane in quel luogo dove ci sono attori che interpretano vari personaggi austeniani non sarà facile,e come lei anche noi durante la lettura ci chiederemo chi dei personaggi stia recitando davvero o chi invece stia iniziando a provare dei veri sentimenti. Due sono i personaggi che manderanno in confusione sia noi che Jane: il giardiniere Martin e Mr Nobley, un uomo bello e misterioso che ricorda per l'appunto Mr Darcy.  Ci saranno inoltre momenti veramente esilaranti ma anche altri teneri e in poco tempo vi ritroverete alle ultime pagine. A questo punto vi chiederete se Jane abbia abbandonato le sue fantasie e si sia dunque rassegnata alla realtà...Beh, è quì che il romanzo ci insegna una cosa importante e cioè che bisogna lottare e credere nei propri sogni, non bisogna arrendersi e accontentarsi di qualcosa di meno solo perché sembra più facile o socialmente accettabile. Ci meritiamo un amore forte e puro come abbiamo sempre sognato.
" Devo ammettere che non sono capace di avere flirt. non sono bravo a giocare e poi dire addio. Mi sto gettando ai tuoi piedi perché spero possa esserci un futuro. Non devi dire niente ora, non è richiesta nessuna promessa. Volevo solo che lo sapessi."
Chi non vorrebbe sentirsi dire queste parole? 💗💗💗

lunedì 24 luglio 2017

Recensione: La dolcezza può far male di Daniela Volontè

Leggere questo nuovo romanzo di Daniela Volontè sarà come sprofondare in un caldo e sereno abbraccio!


Trama.
Jack Lang è uno scrittore di gialli di fama internazionale e non vuole mai comparire in pubblico. Dietro al suo pseudonimo si nasconde Gabriele Neri, un uomo la cui esistenza è stata stravolta dal diabete e dalla mancata accettazione della sua nuova condizione.
Cassandra Accorsi divide l’appartamento e il lavoro con la sua migliore amica, Elisa. È una web designer e il suo ufficio si trova tra il salotto e la cucina. Cassandra ha paura di viaggiare da sola e quando, per cause di forza maggiore, deve partire da Roma alla volta di Milano, accetta di condividere l’auto con una compagna di viaggio. Peccato che invece di una ragazza, sarà Gabriele a rispondere al suo annuncio.
Arrivati a Milano, dopo un viaggio disastroso, entrambi sono più che felici di dirsi addio, ma il destino ha deciso di rimescolare le carte, e per entrambi ha in serbo una sorpresa…

La mia opinione.
Quanto è bello questo romanzo! Ѐ una lettura piacevole, tenera e dolce proprio come dice il titolo. Non è la solita storia d'amore dove i protagonisti sono super sexy ed invincibili, anzi. Gabriele e Cassandra sono semplicemente umani, hanno le loro fragilità e paure. Gabriele o Lele, infatti soffre di una forte forma di diabete e da quando ha scoperto di essere malato ha smesso di vivere limitandosi a sopravvivere, senza avere più sogni per il futuro. L'incontro con la spumeggiante Cassie però lo aiuterà a capire che la vita è una sola e va vissuta con intensità senza piangersi addosso. Ed è proprio questo il grande insegnamento di questo meraviglioso romanzo.
"E solo a lei devo questo ritorno alla vita e al desiderio che venga un nuovo giorno, senza che l'attesa sia più un lungo corridoio grigio, ma una sala d'aspetto con mille porte da aprire e tante finestre su strade mai viste."
Ma vi avverto! Questo riaprirsi alla vita non sarà semplice per Lele e il loro amore dovrà superare molti ostacoli e sofferenze.
"Devi parlare con me. Sempre. Anche quando non vorrò ascoltare."
Ah, prima di concludere non posso non anticiparvi che vi prenderete una cotta stratosferica per Lele. Non solo è dolcissimo, ma è anche bellissimo con lunghi capelli color miele, barba e dulcis in fundo, è pure uno scrittore! Cara Daniela ci hai fatto sognare!